Lettera ad Anna Frank

Pescia       24 03 2011            Ore 08. 26

Cara Anna Frank,

non mi sembra vero poterti scrivere! Ho letto il tuo diario e.. no, aspetta, ma tu non sai cos’è successo dopo la fine della guerra.  Mi dispiace dirtelo, ma hai avuto proprio una gran sfortuna: te ne sei andata pochi giorni prima della liberazione da parte degli americani.. E il tuo caro amico Pete, che poi tanto amico non era eh? ;) , è morto anche lui, appena due giorni prima della fine. Solo il tuo papà è sopravvissuto e ha pubblicato il tuo diario. Lo so, lo so ora sarai imbarazzatissima e cercherai di ricordarti cosa hai scritto.. Beh in effetti erano cose parecchio intime, ma non sai che successo hai avuto! Eri davvero brava a scrivere e non puoi immaginarti quante cose ho capito dalle tue riflessioni. Ho immaginato come fosse vivere senza uscire mai,  sola e con genitori che non capivano, senza amici. Mi sono messa nei tuoi panni e sono stata felice per te quando hai scoperto il “vero Pete”. Eri così piena di ottimismo.. io non ce l’avrei fatta mai, davvero.  Pensa che ora, forse, sta scoppiando la terza guerra mondiale -.-” Non ci crederai, ma per colpa di un libico pazzo, di nome Gheddafi, qui è successo un bel casino. Non vorrei trovarmi anch’io nelle tue condizioni, per quanto mi sia difficile immaginarmi di trovarmi rinchiusa. Pensiamo che il mondo di oggi sia più civile e sviluppato dei tuoi tempi, ma in fondo il desiderio di guerra e rivolta negli uomini è sempre lo stesso.

Spero tanto di non vivere una situazione simile alla tua,  e sono abbastanza sicura che non succederà xD, ma se per qualche strana ragione mi capitasse cercherò di essere forte come te.  Sei un esempio da seguire, per tutti.

Come diciamo oggi tra noi ragazzi, TI STIMO! :D

Giada :)

About these ads

1 commento (+aggiungi il tuo?)

  1. Francesca
    apr 02, 2011 @ 17:07:24

    Cara Giada,
    innanzitutto grazie di avermi scritto, non molti lo fanno. Non ci posso credere?! Io me ne sono andata pochi giorni prima della liberazione?! E’ proprio vero che sono stata sfortunata. Però adesso quassù mi trovo meglio che laggiù. Non ci sono guerre c’è solo pace. Mi dispiace per quel pazzo libico di nome Gheddafi: so come ci si sente. Ma è venuto in Italia? Spero di no. Come hai detto tu oggi ci sono ancora persone che hanno fame o le guerre, ma penso che il mondo sia molto cambiato rispetto a quando c’ero io. Ma adesso non parliamo di guerre!
    Vorrei ringraziarti moltissimo per quello che hai detto, cioè che cercherai di essere forte come me. Per me questo è un onore. Quando c’era la guerra sono stata malissimo, gli anni più brutti della mia vita, e nessuno poteva sapere come stavo. Mi fa veramente onore quello che mi hai detto, e cerca di essere forte… e poi Gheddafi non verrà mai in Italia (bisogna essere positivi)!

    Spero che mi risponderai presto, ciao Anna ;)

    PS: non sono per niente imbarazzata per il libro. Sono contenta che tutti sappiano come era la guerra: brutta e malvagia. A proposito, sono diventata famosa :D ?

    Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.